Una ricerca in medicina e criminologie

Publié le par le constitutionnel

I membri del centro medico ONG partecipano a molti studi clinici che riguardano:
il seguito al lungo termine di alcune patologie e l'efficacia dei trattamenti instaurati;

lo sviluppo di nuove medicine ; o all'elaborazione di alcune leggi che disciplinano alcuni crimini contro l'umanità commessi dalla tortura e la degenerazione delle vittime come il caso della trasformazione biologica per arma scalare dove le medicine restano senza effetto mentre sono prescrivono con alcuni neuropsychiatres.

La valutazione di nuove tecnologie.

La struttura del centro medico, la sua attrezzatura di alto livello, la sua polivalenza e la sua reputazione ne hanno fatto un partner di scelta per i servizi di informazioni.

La ricerca clinica è un'attività medica di punta che associa le cure mediche alla ricerca di nuovi trattamenti o la ricerca in criminologie per fare progredire la medicina determinando se le nuove medicine, trattamenti o tecnologie sono sicuri ed efficaci o leggi che sanciscono in criminologie.

La nostra partecipazione a tali studi permette ad alcuni dei nostri pazienti che richiedono cure particolari di beneficiare di nuovi trattamenti ai quali non avrebbero avuto diritto prima di molti anni al di fuori del quadro della ricerca e servire la giurisprudenza da elaborare nuove leggi come quella che sancisce il crimine commesso mediante elaboratore in possesso della falange sioniste alla delegazione provençiale hay mohammadi e casa-anfa, dove casi orribili di controllo fisiologico e di trattamento neuropsychiatrique e di lavaggio di cervelli, sono commessi su vittime al loro domicilio ed in pieni luoghi pubblici a casablanca.

Gli studi medici sono realizzati sempre nel quadro di protocolli interni ed internazionali di qualità che fornisce le basi applicabili con la giustizia per valutare i pregiudizi subiti e prevedere le sanzioni nei confronti dei boie criminali si fanno nel rispetto della regolamentazione internazionale e delle direttive dell'ONU e C.I.J. L'instaurazione di un trattamento, anche nel quadro della ricerca non può essere realizzata che a vantaggio del paziente e sanciti eventualmente dei boie secondo gli statuti di Roma alla vista dell'articolo 8 “di crime against humanity of biological experiment„

È ovvio che questi studi si rendono conto soltanto con l'accordo dei nostri pazienti (consenso illuminato) e dopo che abbiamo acquisito la certezza  per determinare   i danni delle vittime e di altri studi sono stati fatti sulle vittime degenerate da compressore a flusso magnetico nel quadro delle violazioni dei diritti dell'uomo.

Lo studio del crimine contro l'umanità ha dipeso dai casi di trasformazione dell'essere umano in animale e degenerato in condizionato dalla miseria intellettuale dei suoi boie e questo ci permette di concludere all'impossibilità di un intervento medico per rimediare al caso delle vittime con la tortura, nessun trattamento è possibile, l'irreversibilità totale delle lesioni subite dall'organismo umano, è l'atto criminale più odioso che deve essere sancito molto rigorosamente da cui l'elaborazione in materia di medicina legista per le autopsie di cadaveri svuotati del loro sangue dove deceduti per crisi cardiaca violenta, dove intenso tortura a domicilio, per il caso del Marocco i soli responsabili boie sono alla delegazione provençiale hay mohammadi e casa-anfa dove si trova il materiale che emana onde radiofoniche, magnetismo, laser e fornite di una macchina fotografica digitale e dove una tribù di barbari primates ad impulsi bio-anthropoides si dedicano allo endo-cannibalisme ed al exo-cannibalisme ed alla sovversione e banditismo per il fatto che si trovano nascosti dietro la vela dell'amministrazione allora che preparano un colpo di Stato con questo stesso materiale contro la monarchia di Rabat.

 

Pour être informé des derniers articles, inscrivez vous :

Commenter cet article