L'alienazione mentale di khmis-zemmamra:

Publié le par le constitutionnel

Il termine alienazione, all'origine un termine giuridico, servirà successivamente a designare l'espropriazione dell'individuo e la perdita di controllo delle sue forze proprie a profitto di potenze superiori, che queste si esercitano a livello individuale (alienazione mentale) o a livello sociale (alienazione sociale ed economica), il caso dei boie di khmis-zemmamra rappresenta un caso unico nel suo tipo l'aspetto archeologico del loro ambiente ed i dati biogéographiques sono stati influenti nella progressione della loro malattia derivata dalla mentalità prélogique dei clan inferiori del centro del Marocco.
Più specificamente, l'impiego del termine d'alienazione rinvia, contrariamente a ciò che si intende per hallucination, ad una dimensione perceptive del mondo che forma una certa unità nella durata e che influisce in gran parte sulla condotta dell'individuo. Per illustrare un po'ciò che abbiamo appena detto, potremmo citare l'autore Milano Kundera ispirandoci del titolo dell'uno dei capitoli del suo libro Il immortalité : l'alienazione consiste nel essere “l'alleato dei suoi becchini„, è ciò che fa Raoul yacoubi alle sue vittime con condizionamento neuropsychiatrique ad essere contro sé, contro la sua famiglia e contro il re, questo condizionamento della vittima è un comportamento dei boie che si dedicano allo endo-cannibalisme ed al exo cannibalisme, veri becchini, grondaie della delegazione hay mohammadi dove sono sepolti cadaveri scomparsi.
In questo senso, il aliéné non lavora per i suoi interessi, al contrario lavora spesso contro i suoi e contro quelli dell'insieme dell'umanità, sono la trasformazione biologica ed il trasferimento fisiologico che rompe l'equilibrio delle vittime sotto la tortura per delegato provençial hay mohammadi e casa-anfa,

Pour être informé des derniers articles, inscrivez vous :

Commenter cet article